Passa ai contenuti principali

DOVE SIAMO FINITI? STIAMO LAVORANDO, ASPETTATE E VEDRETE...

 


Stiamo lavorando, sì, e anche molto intensamente, che credete? Non ci siamo presi nessuna pausa anche se i tempi che viviamo, così impegnativi ed estenuanti, per non dire sconvolgenti, lo richiederebbero. Esigerebbero un esilio defilato da questa società malata, insomma un luogo remoto (un’isola che non c’è?) dove smettere di pensare a quale fine ha fatto il mondo per godere della nostra assoluta estraneità. E invece no. Insistiamo a macerarci in una realtà che a noi appare sempre più estranea. Quindi, noi che siamo un Editore singolare, che non pubblichiamo montagne di libri tanto per pubblicare, cerchiamo di resistere pubblicando solo i libri di cui ci innamoriamo. Quei libri che non solo ci colpiscono nell’animo emozionandoci bensì che rispondono ai nostri intenti, quelli che dichiariamo apertamente nel “manifesto dei valori”. Soprattutto pubblichiamo un libro alla volta perché ci lavoriamo collettivamente, insieme all’autore ovviamente, finchè non lo capiamo e finchè non ci soddisfa pienamente. Serve tempo? Pazienza, ci rimbocchiamo le maniche e procediamo. Con calma, con attenzione, con puntiglio maniacale, senza dare spazio alcuno alla frenesia della modernità. Così abbiamo fatto con gli altri libri pubblicati (Senza una stella sopra la testa e Il tempo non ha una storia) per i quali, innanzi tutto, abbiamo costruito un progetto figlio di uno studio approfondito e dell’utilizzo di sapienze multidisciplinari. A noi ci piacciono “carta e penna” e non amiamo la velocità del digitale. Soprattutto non sopportiamo l’approssimazione.

 

E questa volta ci stiamo impegnando in un arduo intento, insieme all’amico SILDENEPRO. E arduo è davvero dire poco! Non c’è paragone con gli altri libri che abbiamo pubblicato. Ormai da tempo, da mane a sera, stiamo sopra un testo che di certo vi sorprenderà. Siamo stati fortunati, l’ammettiamo, a incontrare, così per caso, un manufatto d’una potenza che ci ha fatto cadere dalla sedia. Un “oggetto” che ci ha steso, come un pugile suonato, al tappeto fin dalla prima lettura: un romanzo di un romanzo dei romanzi. Perché? Non lo sappiamo ancora, è presto. Lo stiamo studiando e vi assicuriamo che non è affatto facile. E questo è solo il primo passo. Vogliamo possederlo prima di cominciare a lavorarci per davvero. Cerchiamo d’andare a fondo, di comprenderne i suoi molteplici livelli, di interpretare le sue incredibili “lingue”, di indagare i suoi mille riferimenti, di coglierne i suoi significati sorti dalla disarticolazione d’altri significati, di coglierne la sua ironia fuori dalle righe, di apprezzare compiutamente il suo impeto politico, di assaporarne il suo ritmo jazz. Sì, avete capito bene: jazz! Ma da subito, senza il benchè minimo dubbio, ci siamo detti: questa è grande letteratura! Ci sono venuti immediatamente in mente, come fossero lampi di illuminazione (su suggerimento anche dell’autore), Rabelais, Dostoevskij e Celine, tanto per andare in ordine di tempo. E, per rimanere negli angusti confini del nostro giardino, Anceschi e Gadda. Ma che cos’è quest’oggetto tanto particolare? È un processo di scrittura nata dal “…procedere per ispirazioni simboliche e cucire dopo...”, ottima l’idea di tirar in ballo Beylj!, come dice lo stesso autore. È un testo che ci riporta davanti al problema letterario, culturale e anche politico di ciò che è leggibile e di ciò che non lo è o sembra non esserlo.

 

Insomma siamo solo all’inizio. Crediamo che fino a metà del prossimo anno il libro non prenderà vita. E non sarà solo un libro! Intorno al libro cercheremo di costruire un “suono” perché quelle parole vanno ascoltate, vanno assaporate attraverso il ritmo che assumono. Un ritmo che parla alle pelle, alla pancia o a qualsiasi altro nostro senso per coglierne ancora altri significati. Sarà un “podcast”, che dovrebbe essere in grado di offrire diverse chiavi di lettura come fosse uno spartito musicale (di musica assolutamente contemporanea, però). In ogni caso siamo convinti che sarà un’opera di rottura, un’opera difficile ma affascinante, un’opera che riconferma la grande potenza della letteratura.

 

“L’illeggibile è costitutivo di ogni scrittura che vuole smascherare il potere commerciale e quello delle mode, di qualsiasi letteratura che si pensa come gesto autentico di rivolta contro la doxa e tutte le ideologie del Pensiero Unico. E, contemporaneamente, le scritture che pretendono di creare un nuovo spazio di significato si nutrono d’illeggibile e organizzano strategie capaci di gestirle.”

Commenti

Post popolari in questo blog

SOCIOLOGIA DELLA MODERNITA’: MECCANISMI DI CONSUMO E DOMINIO

  Qualche tempo fa, passando davanti al Moleskin Cafè in Corso Garibaldi a Milano (come succede oggi, e forse ancor di più, davanti a qualunque altro locale “cool”), si potevano vedere moltitudini di giovani che s’adoperavano sulla tastiera dei loro computer, tutti della mela morsicata. In questa semplice immagine (che appare assolutamente inoffensiva) è racchiusa tutta la potenza del SIMBOLICO nell’ambito del consumo nella società contemporanea. C’è da chiedersi se tutti quei trentenni sono dei progettisti industriali o dei grafici freelance. Immaginiamo di no altrimenti non starebbero lì ma da qualche altra parte a lavorare. Probabilmente stavano “navigando” in rete a cazzeggiare o utilizzando un normalissimo word processor per redigere il proprio curriculum vitae (nel formato europeo, per carità!) nella speranza d’andarci (ovviamente a lavorare).   E allora perché tutti avevano un computer Apple e tutti erano seduti al Moleskin Cafè ( et similia) visto che quei computer cost

UNA "CRITICA" AL CONCETTO DEL MERITO

  “Merito” è un parola bastarda. È viscida, infida, bugiarda. Eppure si presenta con una faccia per bene, col suo nasino all’insù, pettinata, profumata, fresca e fragrante come se fosse appena uscita dalla doccia. Sono in molti, troppi, a farne una bandiera illudendosi, poverini, che sia la ricetta miracolosa per combattere il nepotismo e il clientelismo. Ma è esattamente il contrario: dietro al suo abuso si sviluppa l’intrallazzo più spudorato. Ma è anche una parola di grande potenzialità che apre orizzonti inaspettati su strade oggi poco battute, infatti avviandoci alla sua “critica” si ha l’opportunità di smascherare i meccanismi di dominio ideologici della società capitalista. Ma andiamo con ordine.   Innanzi tutto il “merito” è una partita truccata, una gara (una gara sì, perché sottende un’idea di competizione) dove i blocchi di partenza non sono sulla stessa linea, al contrario di quello che ci fanno credere (tutti abbiamo le stesse possibilità). Non tutti partiamo dalla st

LA FELICITA’ COME LA QUALITA’ DELLA LIBERTA’

  La libertà: come il “merito” anche questo è un concetto assai viscido e scivoloso. Ma come? La libertà è un valore assoluto, ci sentiamo ripetere a ogni piè sospinto. Certo si può declinare in molti modi ma talvolta clamorosamente contradditori. Tutto dipende dall’aggettivo che gli si mette a fianco. La libertà senza alcun aggettivo non ha alcun significato, è astratta, vuota, analogamente al concetto di individuo. Libertà da cosa? Libertà per chi? Queste sono le domande che occorse farsi. La coscienza dell’uomo è costituita dal suo essere sociale determinato storicamente. Quindi, tanto per cominciare, il concetto di libertà non è un valore assoluto (e tanto meno eterno) bensì relativo al tempo storico e alla posizione che ognuno di noi ha nel consesso sociale (classe di appartenenza).   Nella società contemporanea la libertà viene sempre accompagnata dall’aggettivo “individuale”. Ma anche l’abbinamento di questi due concetti (libertà e individuo) ha due aspetti tra loro contradd