Passa ai contenuti principali

LA SINGOLARE STORIA DELLA NASCITA DI UN “ROMANZO BREVISSIMO” DA LEGGERE CON LA PANCIA

 


Per una Selva (oscura) ché la diritta via era smarrita, quelle pagine ce le ritrovammo nelle… nostre mani. Poca cosa, trenta paginette, strampalate e disordinate. Le pesammo: nemmeno mezzo libro, al massimo un racconto. Il cestino, subito, ci indusse in tentazione, era lì, affamato, che aspettava di cibarsi dei nostri scarti. Ma una voce presuntuosa, che usciva da un foro dell’Inferno, cominciò a dire: Che fate? Non dite che siete la CRITICA, che siete NESSUNO, l’ODISSEO che vuol capire la realtà, che il vostro percorso è di felicità? Appunto, ci siamo detti, più convinti che mai. Possiamo giudicare dal peso? Non è da noi! Un grammo può contenere un mondo mentre una tonnellata può esser vuota. Lo facemmo: leggemmo quelle poche paginette: una vita zampillava.

 

In mezzo al Sahara della letteratura, dove l’acqua che regala la vita è un miraggio menzognero, scorgemmo (forse orbati dai nostri stessi intenti, chi lo sa?) una sorgente: fresca, vivace, saltellante. Una esilarante rappresentazione di guitti sul loro carretto sgangherato di comici della Commedia dell’arte. Ma la parola/malattia dell’elitario cenacolo editoriale che detta le leggi del valore (che noia!) ogni tanto si faceva strada anche nelle nostre menti (mica crederete che ne siamo immuni? Non lo neghiamo, anche noi siamo deboli e qualche sintomo l’avvertiamo): che dicono queste quattro paginette? Sproloquiano? Dove sta il plot (Mmm… il plot? Subito abbiamo consultato la Treccani: anglicismo adoperato nel linguaggio della critica letteraria per indicare la trama, l’intreccio di un romanzo)? Chi l’ha scritte (le paginette) è uno fatto, parla (tenere a mente il verbo) solo a chi è fuori di testa come lui.  Insomma questa non è letteratura bensì linguaggio orale, sciatto e, per di più, con qualche “cazzo” di troppo. No, no, non si può fare. Così ci diceva quella voce (e quanto parlava!). Vattene voce, chi sei? Cosa vuoi da noi? Alla fine le abbiamo detto. Non lo vedi che in queste parole c’è la vita? Vita ai margini ma vissuta! Che ce ne frega del “plot” (?), di qualche parolaccia, del tempo che va per conto suo? Che ce ne frega se mancano i fioretti alle parole, gli scimmiottamenti culturali (ah, l’erudizione!), lo stile ricercato? E nemmeno della leggibilità ce ne importa niente (questa, poi, ci fa accapponar la pelle, brrr...). Il lettore non capisce? Pazienza! È sua libertà approfondire e se proprio non lo vuol fare... amen! Ma se qualcuno avrà la curiosità di guardare potrà scoprire che quella carne è viva.

 

Questo nella nostra valutazione iniziale, ma… sempre trenta paginette rimanevano. Occorreva dare forma al contenuto (altrimenti l’editore che ci sta a fare?). Bisognava supportarlo, aiutarlo, farlo esplodere, bum! Spremere da quel materiale grezzo linfa d’ambrosia. E qui il segreto è stato negare la prima persona singolare per abbracciare quella plurale. In fondo il NOI è un IO all’incontrario con davanti un NO, no? Siamo fatti così, che ci possiamo fare? E allora pensa che ti ri/pensa (e discuti che ri/discuti) abbiamo detto: rendiamola un Opera multi/disciplinare! Un meta/testo! Direbbe subito qualcuno del cenacolo di cui sopra che crede d’aver ricevuto il dono della parola bella da un’entità divina (bella poi è tutto da vedere). E allora perché non inserire una iconografia, una grafica e testi di supporto a complemento di quelle quattro paginette? Già. Ma come? Per prima cosa ci siamo detti che per noi qualsiasi elemento didascalico, qualsiasi spiegazione, sarebbero stati il Diavolo (e peccato che il Diavolo venga sempre usato in questa accezione perché ci sta simpatico). Quindi se vogliamo usare altri elementi, questi devono avere ognuno un contenuto, un significato autonomo dalla parola (insomma la forma doveva diventare un contenuto). Che dite? È semplice? La fate facile voi! Allora ci siamo immaginati l’autore di quelle trenta paginette, con il fumo che gli usciva dalle orecchie come fosse una locomotiva (forse la stessa di Guccini), tutto preso da un furioso impeto creativo SPONTANEO, a battere su una vecchia macchina da scrivere col nastro consumato quello che gli passava per la testa. Così, di getto. Quello che gli veniva lo scriveva, senza punteggiatura (o poca e quella poca anche sbagliata), fregandosene della sintassi e tanto più delle buone maniere (letterarie). E lo scriveva sui fogli bianchi d’una risma che da anni ammuffiva in un cassetto. Ma il suo viaggio allucinato non riguardava i tormentati amori delle belle figlie di madama dorè (oh, quante belle figlie…) bensì la Storia (notare: con la S maiuscola). Una Storia di cento anni fa, in una terra di confine (tra Trieste e Fiume) dove il protagonista era stato scaraventato passando attraversando un tunnel (è una metafora? Fate voi). Ma Alan, il protagonista, uno sbandato dei nostri tempi, quella Storia la vede con uno sguardo dal basso, da sotto, dalla parte dei perdenti e mai dei vincitori. Incontra personaggi veri che, però, sembrano falsi tanto sono fuori di testa e si ritrova in situazioni picaresche che il più delle volte appaiono improbabili.

 

E allora che ci siamo inventati? Un “romanzo brevissimo” (poi alla fine le pagine sono diventate 140 e quindi tanto breve non è) stampato su carta di un bianco assoluto (cosa singolare per un libro) con un carattere grafico di una macchina da scrivere col nastro consumato punteggiato da immagini storiche che sono vere ma che sembrano false oppure immagini false che sembrano vere. Immagini psichedeliche che emergono dal "tunnel". Ma questo non ci bastava. Chi era Alan, il protagonista? Occorreva presentarlo, serviva una biografia! L’abbiamo aggiunta: appare falsa ma è vera oppure viceversa, fate voi. Servivano pure le biografie di alcuni personaggi storici minori che pochi, pensavamo, conoscessero. Anche queste vere ma all’apparenza false. E per tutti coloro che, pedanti, avrebbero rotto le palle per la mancanza di una cronologia dei fatti storici abbiamo aggiunto anche una mappa temporale. Eccoli accontentati, alè! Ne è uscito un libro di cui siamo orgogliosi (ci accontentiamo di piccole soddisfazioni), s’intitola IL TEMPO NON HA UNA STORIA, “romanzo brevissimo” di Ivan Bormann.


Per consultare il libro:

http://www.libreriadelmondooffeso.it/negozio/edizioni-del-mondo-offeso-c120098008


Immagine: Hieronymus Bosch - Unto dal Diavolo



Commenti

Post popolari in questo blog

SOCIOLOGIA DELLA MODERNITA’: MECCANISMI DI CONSUMO E DOMINIO

  Qualche tempo fa, passando davanti al Moleskin Cafè in Corso Garibaldi a Milano (come succede oggi, e forse ancor di più, davanti a qualunque altro locale “cool”), si potevano vedere moltitudini di giovani che s’adoperavano sulla tastiera dei loro computer, tutti della mela morsicata. In questa semplice immagine (che appare assolutamente inoffensiva) è racchiusa tutta la potenza del SIMBOLICO nell’ambito del consumo nella società contemporanea. C’è da chiedersi se tutti quei trentenni sono dei progettisti industriali o dei grafici freelance. Immaginiamo di no altrimenti non starebbero lì ma da qualche altra parte a lavorare. Probabilmente stavano “navigando” in rete a cazzeggiare o utilizzando un normalissimo word processor per redigere il proprio curriculum vitae (nel formato europeo, per carità!) nella speranza d’andarci (ovviamente a lavorare).   E allora perché tutti avevano un computer Apple e tutti erano seduti al Moleskin Cafè ( et similia) visto che quei computer cost

UNA "CRITICA" AL CONCETTO DEL MERITO

  “Merito” è un parola bastarda. È viscida, infida, bugiarda. Eppure si presenta con una faccia per bene, col suo nasino all’insù, pettinata, profumata, fresca e fragrante come se fosse appena uscita dalla doccia. Sono in molti, troppi, a farne una bandiera illudendosi, poverini, che sia la ricetta miracolosa per combattere il nepotismo e il clientelismo. Ma è esattamente il contrario: dietro al suo abuso si sviluppa l’intrallazzo più spudorato. Ma è anche una parola di grande potenzialità che apre orizzonti inaspettati su strade oggi poco battute, infatti avviandoci alla sua “critica” si ha l’opportunità di smascherare i meccanismi di dominio ideologici della società capitalista. Ma andiamo con ordine.   Innanzi tutto il “merito” è una partita truccata, una gara (una gara sì, perché sottende un’idea di competizione) dove i blocchi di partenza non sono sulla stessa linea, al contrario di quello che ci fanno credere (tutti abbiamo le stesse possibilità). Non tutti partiamo dalla st

LA FELICITA’ COME LA QUALITA’ DELLA LIBERTA’

  La libertà: come il “merito” anche questo è un concetto assai viscido e scivoloso. Ma come? La libertà è un valore assoluto, ci sentiamo ripetere a ogni piè sospinto. Certo si può declinare in molti modi ma talvolta clamorosamente contradditori. Tutto dipende dall’aggettivo che gli si mette a fianco. La libertà senza alcun aggettivo non ha alcun significato, è astratta, vuota, analogamente al concetto di individuo. Libertà da cosa? Libertà per chi? Queste sono le domande che occorse farsi. La coscienza dell’uomo è costituita dal suo essere sociale determinato storicamente. Quindi, tanto per cominciare, il concetto di libertà non è un valore assoluto (e tanto meno eterno) bensì relativo al tempo storico e alla posizione che ognuno di noi ha nel consesso sociale (classe di appartenenza).   Nella società contemporanea la libertà viene sempre accompagnata dall’aggettivo “individuale”. Ma anche l’abbinamento di questi due concetti (libertà e individuo) ha due aspetti tra loro contradd