Passa ai contenuti principali

Una potente palla di vetro svela l'arcano delle strane elezioni perdute

 


Con questo articolo/racconto inizia la collaborazione con SILDENEPRO, il Fantasista Ribelle. E in un futuro non tanto prossimo ne vedrete delle belle! Stiamo lavorando col SILDE, metteremo in piedi botti e fuochi d’artificio, in un concerto jazz che farà traballare le coscienze omologate ma che farà rivivere i sopiti spiriti ribelli.

 

Una potente palla di vetro svela l'arcano

delle strane elezioni perdute

 

(racconto contingente di Sildenepro.)

 

                         dedicato a Lula che ha sconfitto il Bolso,

                  sciagura dell'Amazzonia e dei nativi

 

 

                         ...i nomi dei politici, dei banchieri, degli industriali, delle              mantenute e delle vedove, nomi illustri e nomi sconosciuti di quegli affaristi che con un espediente che a loro non costa nulla guadagnano i milioni che a noi costano tutto...

IL SOSPETTO, Friedrich Dürrenmatt

 

 

Che ci voleva a fermare la trionfale burletta degli assassini assoldati cent' anni fa dagli agrari?... Il beneplacito del re Sciaboletta, che invece li favorì.  Fortuna che, si dice, la porcheria non può ripetersi... altri tempi! Due tempi così diversi non sono uguali: un neo per ogni guanatica e abbiamo il neo-neo  (o neon illuminato) fascismo predappioso fuorilegge! La vita è bella perché, ripeteva Mastronardi, è avariata... Un pensiero assolutamente non ideologico, i nuovi animosi, cui basta la vecchia insipienza del "merito" tegulamentoso: poco da aggiungere alle argomentazioni dialettiche dell'articolo che se n'è occupato su questo blog, giorni fa. Segnalo un pezzo sul Fatto di Francesco Sylos-Labini sulla evidenza del rapporto merito-disuguaglianza. Gli studenti randellati in questi giorni hanno inscenato una ulteriore chiarificazione del "merito" dei cavolfiori ministeriali, appuntando a ogni maschera, il merito della specifica disfatta dei nostri interessi (anche noi li abbiamo) e diritti sociali.

Si dice: proviamoli. Li abbiamo già provati. Stiamo a vedere... già, occorre la palla di vetro.  Abracadabra! decodifichiamo l'assunto cespuglioso del Marchese del Grillo: io so io (uno stronzo) e voi non siete un cazzo!... dunque ci tolgono anche quello, ovvero siamo castrati. Il che è vero. Siamo castrati (ma fossi in loro, non ci giurerei) dalla nascita, che ci colloca ah ah (ridi fascista del neon) nel 99% derubato dall'1% meritevole di saccheggiare le risorse del mondo che sta distruggendo. Grandioso il merito! Saremmo tutti responsabili della nostra castrata condizione, secondo il pensiero non ideologico, dell'ideologia trionfante, cioè castrante. Ma soffermiamoci. Diversi anni fa rimasi folgorato da uno studio economico sulla situazione della ricchezza in Inghilterra durante un secolo: era rimasta nelle stesse mani. La sola variazione era nell'estensione ereditaria all'interno delle stesse famiglie possidenti. E i volonterosi aspiranti al privilegio, dotati del carattere e dell'ambizione necessaria? qualcuno cooptato, ma quasi tutti col cavolo. Il che sottendeva un sistema sbarrato: il potere restava dov'era! 

Ma abbiamo una potente palla di vetro, no? Quindi, se la Oxfam nel 2020 ha calcolato che nel mondo l'1% più ricco che già deteneva il 99% della ricchezza mondiale, ora ne detiene il doppio, chissà, forse anche grazie alle nuove tecnologie dei Gigacapitalisti (del presunto laboratorio in garage), con tutta la maledetta volontà e coltivato talento, posto che il mondo sopravviva agli sciupamondo, fra un secolo, il 99% di svogliati incapaci imbecilli ignoranti incompetenti fannulloni drogati, insomma la totale umanità che produce la ricchezza altrui, non avrà mutato la sua condizione, e l'1% dal doppio, si contenterà del quadruplo nella fossa comune della sesta estinzione.

Dunque sì-nò sì-no allarmi siam gomitolisti? pare dimostrata l'irrilevanza della possibilità individuale d'affermazione nel sistema liberfottista globale.

L'affermazione tegulamentosa poi non è affatto l'autorealizzazione sociale, che esprime il dispiegamento ideale delle comuni potenzialità umane di sensibilità, vita e cultura e destino... L'ideale non è di questo mondo? (Ancora non ne abbiamo frodato un altro da sconciare.) L'uomo è quel farabutto in guerra che è, la violenza l'accompagna da sempre... il monolite nero di Kubrick-Clarke, accende l'intelligenza simbolica che produrrà le astronavi viaggianti nello spazio-tempo, a partire dalla tibia assassina d'una bella strage primordiale. Pare la condanna tragica della scoperta del pensiero simbolico, che illude all'onnipotenza fattiva, sempre interferita dall'aggressività intraspecifica, che subordina il pensiero alle funzioni del dominio acefalo, fino al gioco della morte nucleare.

Il capo dell'orda, insigne modello inconscio dell'eterno fascismo, s'incarna variamente negli sgovernanti della terra, vedi il nostro tycoon don Meamesse Lavapappacervelli, che confuta i denigratori di Freud, accaparrando tutte le possibili donne e mezzi "alimentari", e confermando il mito interpretativo di Totem e tabù. Freudiano ad honorem, saltando sul lettone! (ancora?)

La nostra generosa palla di vetro vorria svelarci l'incomprensibile arcano dell'approdo dei neoneo (neon) fascisti al governo. Il Tigre, insegnando geopoltritica a Paris, s'è scordato le tabelline elementari: 25 punti, l'unione del campo stretto escludendo l'Albergo, che ne faceva 16: insieme 41, ma insieme si stimolava l'elettorato schifato a un'altra partecipazione, e si con-tendevano i 44 delle destre unite nel triballismo.  Perdendo, ma si poteva vincere, si lasciava una vittoria risicata ai tegulamentosi, impedendone il vanaglorioso sfacimme! Non c'era chi non vedesse che, data l'orrida legge elettorale, e i sondaggi perfettamente confermati, la stolida scelta vendicativa di marciare da soli per prenderle aveva dell'arcano. Ma chi crede nell'arcano? Io sono lettore di Freud! Attribuire a Occhi di tigre la generosa stupidità d'ignorare le tabelline, e qualificare un errore l'accaduto, significa volergli un bene da morire. Come può un atto mancato, perfettamente riuscito, essere creduto stupidamente involontario? Occhi di tigre ha saputo scegliere il suo nome! Giusto per dire: Freud definisce l'atto mancato, cioè non riuscire a prendere la palla al balzo, con l'essere a propria insaputa mossi dalla volontà di lasciarla cadere: e s'era questa la volontà recondita o inconscia del Tigre, lasciar cadere la possibilità di competere con le destre a egemonia neon fascista, mentre protestava felinamente di volerle battere col suo sogno... quale, sogno? beh, lasciarle stravincere no? Dai, è mai possibile... beh, a che cazzo servono gli Occhi di tigre! (a intimidire l'analisi?)... Ma... sono i suoi, questi tuorli accesi, o vi s'infonde la potenza del Drago, che già aveva strappato la costola del Glabro all'odiatissimo Albergo, che gli aveva, vendetta tremenda vendetta! stoppato l'accesso al trono presidenziale?... Ai posteri... la palla di vetro vede propone suppone... poi quel succede chi lo sa?

Giulietta e Romeo, forse si guardavan come il Drago e il Presidente, guardavano la giuliva Blondie CiòCià, coi sorrisi galanti da orecchia a orecchia... ai doverosi incontri emotivi impattanti!... La genuina Blondie, per cui lo Stato affronterebbe la povertà, dando un amaro sussidio ai poveretti, come dando il metadone parassitario ai tossicodipendenti?... eh poverina, lei diceva la verità senz'accorgersene: se le mafie non vengono soppresse, la tossicodipendenza s'alimenta e cresce, come i profitti del capitale che depaupera i lavoratori?... l'è sfuggita! come... il braavo inconsulto? a Cuculo Sanguinaccio d'Arabia, che definisce reddito di criminalità il reddito di cittadinanza... Dio, mette le giuste autodefinizioni in bocca ai Cuculi e aerei inquinatori sbruffoni e sodali del bisiniss (dicono a Broccoline)... il poveretto si crede psicologo perché n'aveva imbarcamenato uno col raffreddore da sfiuto nel palinsesto... mannò, Sbrufolo! si chiama identificazione proiettiva la sbruffata! xe tuo il reddito di criminalità milionario, quello dei poveretti è sussistenza, e see quaivun o due ci marcia, sarà too papi o fradelastr!...

Ma torniamo al grave e mortale insulto subito dal Drago, che chissà come giunse al governo: lo spadaccino Travaglio dice col Conticidio, amici!... e io condivido. Conte ha forse restituito la cortesia? mah, se il Drago avesse fatto qualcosa... invece riceveva solo servi encomi, faso tuto mi, eee... poi, ciullato nella scalata al soglio, fa cadere il governo colla sovrana abilità d'addossarne la colpa agli altri... Anche qui, l'arcano! Aveva i voti, l'appoggio... ma ha fatto i dispetti... Scemo? lo credete voi, io e la palla di vetro pensiamo a un calcolo spregiudicato!

L'Albergo continuava a spaccare le palle, anche scostolato del Glabro, Attanasio asino vanesio, e chiedeva l'azione di governo ai problemi sociali, ma il venerato Banchiere aveva altre priorità, quali? nessun lo sa... Epperò, fissando gli occhi serpentini nei tuorli ovali del Tigre, se l'è marionettato! Tu... figliolo bislungo e calvo... dirai che la colpa è tutta del capo dell'Albergo, alle cui domande col cazzo che ho risposto per far poi qualcosa col governo che doveva cadere, così tu Bislungo, ignora le tabelline, immagina che la mitica agenda di lavoro che doveva provvedere proprio a ciò che l'Albergo col suo capo mi chiedeva, e tiè!... e diamogli la colpa infame! d'aver impedito di fare ciò che lui, il vigliacco pretendeva, dopo avermi sbarrata la salita al trono persidenziale... Baby, questi non hanno ancora capito perché gli ho soffiato il governo!... Occhi di tigre: gli sciocchi, Papi, non sanno che siamo una civiltà ficanziaria! E chi deve guidarla se non i bancarottieri?... Appunto, Occhi... dovrebbero leggere L'arco dell'Impero di Qiao Liang, curato dal generale Mini... Civiltà fican... ziaria ma cosa cazzo mi fai dire Occhi, ah ah ah! quel birbante di tuo zio, eminenza di Meamesses, ti guastano 'stii mignottoni... Civiltà finanziaria! L'Albergatore credeva che avendo procurato lui i miliardi del PNNR, avrebbe potuto gestirli? Dioo, ma questi non son stati a scuola dai gesuiti? ah ah, mica tutti... Senti, Occhi di tigre! hai visto i sondaggi? non stare a far calcoli... chi è in testa? La Blondie? tu, Bislungo e calvo, t'occupi del Glabro: ponti d'oro, e che anneghi pure, se cascano!... Soprattutto vituperi giorno e notte l'Albergo e l'Albergatore, dandogli la colpa della mancata fottuta attuazione della chimerica agenda... e virtuosamente, ehm, furbino rifiuti qualsiasi accordo elettorale con chi facciamo credere tinculvisivamente che avrìa fatto cadere il governo... Così perdiamo, Maestro!... Aspetta e spera, tontarolo mio! chi perde? noi, che controlliamo l'imbroglio?... Ma, Maestro... Taci parigina! ce li sorbiamo come un gelato!... Maestro... Cribbio, se sono il Maestro, che cazzo rompi le palle... fai come dico!... Ma così... Oh santiddio, ancora non hai capito?... hai visto i sondaggi? facciamo vincere la Blondie, BaciaSalami e don Meamesse... E così perdiamo!... Santapazienza: ci sei o ci fai?... Questi sono a comma noi, e saranno grati... Ma se... Oh basta, era tutta scena l'opposizione: volevano la ciccia, esattamente come noi, come i Banchieri della civiltà ficcanziaria... è l'Albergo che non ha mangiato la foglia... e poi non ci son foglie, cioè grana per tutti!... Maestro maraviglioso, facciamo vincere chi ci somiglia sputato e poi... Diamo tempo al tempo mia rana, mia tarantola, mio Tigre, ah ah: il Titolare del trono persidenziale si dimette come il predecessore a mezzo del secondo mandato e... Tu Maestro dei maestri, aquila della notte, Tex Willer! pard di Kit Carson, Mefisto ipnotico e reincarnato! futuro argomento delle mie prossime lezioni! dopo alcune votazioni, quando basta la maggioranza semplice, avrai la gratitudine della Blondie & Company, e sali al soglio, al seggio, al trono! la res pubbica (non so più cosa mi dico) di Ciaa... Ciarlantania è tua è nostra... E Comandarono sempre felici e contenti... Yes my boy! my body... Occiacci pinocchi!

La palla di vetro disse: non è complotto, è un programma! la prima parte completata, il seguito si vedrà... Ma una cosa è certa, l'arcano della condotta apparentemente suicida di Occhi di tigre è perfettamente spiegato. Non era così fesso come sembrava... un drittone! lui sì che vale...

Una pièce?

 

Come il Drago ipnotizzò il Tigre e il Glabro,

a far vincere la Blondie CiòCià,

vendicarsi dell'Albergo e intronizzarsi ugualmente alle dimissioni

del tale che oscuramente lo favorì

 

Se la marcia su Roma fu un meschino e sanguinoso imbroglio, cent'anni dopo se n'è astutato cinicamente un altro, che poteva evitarsi se Occhi di tigre non fosse stato nelle mano and pappa e ciccia col vindice Dragone! Chairman della ficanza internazionale che assiepa miliardi e morti colla guerra egemonica per procura, vantaggiosissima pei soliti Margravi ignoti.

E coi nostri neoneo (neon) sfascisti al gobverno? Si vedrà fin dall'inizio... il lupo cambia il pelo e tiene il vizio! faranno i soliti, accresciuti affari, e gli italiaanììì? alla canna del gas...

La corrusca e utopica palla di vetro grida:

Umani, cercate d'impedirlo! rifiutate l'imbabbeo! lo sfruttamento le nuove schiavitù la guerra, il terricidio!... le rovine... Sveegliààà... è l'oraa!

 

LA CANZONE DELL'IMBECHERO

 

Se ti guardi allo specchio

che vedi? la vedi quella scimmia sulle spalle

che ti suggerisce ogni parola, ogni gesto,

ogni sbaglio errore cazzata? Tu credi

ancora credi d'esser tu, come ti vuoi?

Chiedilo a Pirandello, quanti autori

hanno trovato in te, un personaggio

che non andrà mai in scena, se non in quelle sbagliate

sceneggiate della vita persa,

che mai ha riscatto! perché senza capirlo sei agito

dalle voci dei tuoi padroni interni/esterni

dei modelli inconsci che t'imbecherano

a loro a loro a loro vantaggio!

Cerca la tua voce, e chi tu sei, lontano da chi parla per te

e ti fa parlar per lui, lontano dall'imbechero!

dall'odio insufflato, dall'ideologia

tegulamentosa dell'irsuto "feto alfa".

che ti condanna all'irredimibile destino

del povero illuso "feto omega".


Commenti

Post popolari in questo blog

SOCIOLOGIA DELLA MODERNITA’: MECCANISMI DI CONSUMO E DOMINIO

  Qualche tempo fa, passando davanti al Moleskin Cafè in Corso Garibaldi a Milano (come succede oggi, e forse ancor di più, davanti a qualunque altro locale “cool”), si potevano vedere moltitudini di giovani che s’adoperavano sulla tastiera dei loro computer, tutti della mela morsicata. In questa semplice immagine (che appare assolutamente inoffensiva) è racchiusa tutta la potenza del SIMBOLICO nell’ambito del consumo nella società contemporanea. C’è da chiedersi se tutti quei trentenni sono dei progettisti industriali o dei grafici freelance. Immaginiamo di no altrimenti non starebbero lì ma da qualche altra parte a lavorare. Probabilmente stavano “navigando” in rete a cazzeggiare o utilizzando un normalissimo word processor per redigere il proprio curriculum vitae (nel formato europeo, per carità!) nella speranza d’andarci (ovviamente a lavorare).   E allora perché tutti avevano un computer Apple e tutti erano seduti al Moleskin Cafè ( et similia) visto che quei computer cost

UNA "CRITICA" AL CONCETTO DEL MERITO

  “Merito” è un parola bastarda. È viscida, infida, bugiarda. Eppure si presenta con una faccia per bene, col suo nasino all’insù, pettinata, profumata, fresca e fragrante come se fosse appena uscita dalla doccia. Sono in molti, troppi, a farne una bandiera illudendosi, poverini, che sia la ricetta miracolosa per combattere il nepotismo e il clientelismo. Ma è esattamente il contrario: dietro al suo abuso si sviluppa l’intrallazzo più spudorato. Ma è anche una parola di grande potenzialità che apre orizzonti inaspettati su strade oggi poco battute, infatti avviandoci alla sua “critica” si ha l’opportunità di smascherare i meccanismi di dominio ideologici della società capitalista. Ma andiamo con ordine.   Innanzi tutto il “merito” è una partita truccata, una gara (una gara sì, perché sottende un’idea di competizione) dove i blocchi di partenza non sono sulla stessa linea, al contrario di quello che ci fanno credere (tutti abbiamo le stesse possibilità). Non tutti partiamo dalla st

LA FELICITA’ COME LA QUALITA’ DELLA LIBERTA’

  La libertà: come il “merito” anche questo è un concetto assai viscido e scivoloso. Ma come? La libertà è un valore assoluto, ci sentiamo ripetere a ogni piè sospinto. Certo si può declinare in molti modi ma talvolta clamorosamente contradditori. Tutto dipende dall’aggettivo che gli si mette a fianco. La libertà senza alcun aggettivo non ha alcun significato, è astratta, vuota, analogamente al concetto di individuo. Libertà da cosa? Libertà per chi? Queste sono le domande che occorse farsi. La coscienza dell’uomo è costituita dal suo essere sociale determinato storicamente. Quindi, tanto per cominciare, il concetto di libertà non è un valore assoluto (e tanto meno eterno) bensì relativo al tempo storico e alla posizione che ognuno di noi ha nel consesso sociale (classe di appartenenza).   Nella società contemporanea la libertà viene sempre accompagnata dall’aggettivo “individuale”. Ma anche l’abbinamento di questi due concetti (libertà e individuo) ha due aspetti tra loro contradd